L’obiettivo è mettere i pazienti al centro della ricerca e raccogliere la loro prospettiva sulle malattie rare